La finanza come dato di fatto

Mi hanno fatto molto riflettere due articoli letti negli ultimi mesi che sostengono una tesi che si può riassumere molte semplicemente come: la finanza come la conosciamo oggi (quella che ha causato la crisi in cui stiamo vivendo) è un’invenzione degli ultimi 50 anni, forse 100.

Il primo articolo è un editoriale di Giovanni Sartori sul Corriere: L’idea dei soldi come manna.

Il secondo è un editoriale di Paul Krugman sul New York Times: The Market Mystique.

Il fatto che due personalità di tale spessore sentano il bisogno di affermare che per secoli l’umanità si è evoluta facendo a meno della finanza, lascia intendere che

  • tutta l’enfasi sul libero mercato con il peso predominante che la finanza ha assunto in esso è un’affermazione di comodo e interessata,
  • probabilmente, risuscendo a superare gli interessi di parte, nel futuro si affermerà un diverso approccio alla gestione delle ricchezza.

Non vorrei, per queste affermazioni, passare per comunista rivoluzionario. Ma se Sartori e Krugman ricadono in quella categoria allora lo sono anche io.

Annunci

2 thoughts on “La finanza come dato di fatto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...