Lezioni apprese in un mandato (ridotto) di Senato Accademico

Dal mio bilancio personale di mandato, riporto le lezioni apprese e le convinzioni maturate nel corso di un mandato:

Credo nell’ascoltare tutti e nel confrontarsi pubblicamente.

Non credo all’istintiva e non mediata volontà popolare.

Condivido la scelta di chi decide di dedicare un po’ del proprio tempo alla politica accademica.

Rispetto la scelta di chi non vuole dedicare tempo alla politica accademica e si dedica esclusivamente a didattica e ricerca.

Credo che i doveri verso la collettività e la cosa pubblica vengano prima dei diritti individuali.

Non credo nella rappresentanza come un mezzo per difendere gli interessi di una categoria o di una parte.

Credo che il vero mandato di chi siede negli organi di governo sia valutare criticamente quanto viene proposto.

Non credo che la virtù stia sempre nel mezzo e mi pare che la concertazione talvolta produca compromessi insoddisfacenti.

Credo che i principi debbano essere seguiti da risultati concreti e positivi.

Non credo nelle ideologie che viaggiano slacciate dalle loro implicazioni pratiche.

Credo nella trasparenza.

Non credo nell’assenza di filtri e nell’indiscrezione.

Credo nell’onestà intellettuale.

Non credo in chi si scrive le regole a proprio vantaggio.

Credo nel rispetto degli avversarsi e nella correttezza.

Sopporto a fatica l’arroganza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...