Discriminazione e argomentazioni statistiche

[An English version of this post is available]

È di questi giorni l’ordine esecutivo del Presidente USA Trump che limita l’accesso agli USA da parte delle persone nate in sette specifici paesi “ad alto tasso jihadista”.

La decisione ha causato una serie di problemi a tantissime persone, anche con visto regolare per gli USA, che non hanno potuto (ri-)entrare  in quel paese.

Ci sono state fortissime proteste sia negli USA che in altri paesi. Ovviamente anche sulle reti sociali ci sono state molte contestazioni. Tante contestazioni si basano su un’argomentazione che definirei statistica che, sebbene formalmente corretta, parte da un’assunzione completamente sbagliata.

Continua a leggere