Quote riservate

In questo momento in cui il nuovo statuto del Politecnico di Torino sta per essere sottoposto a consultazione referendaria provo ad analizzare alcune norme ispirate alle pari opportunità. In particolare ci sono norme che definiscono delle quote sia per il CdA che per il Senato Accademico, mi concentro su queste ultime.

Lo statuto, relativamente all’elezione dei membri del Senato Accademico, recita:

Per i componenti di cui a punti b) e d) le candidature devono necessariamente comprendere almeno due candidati per ciascun genere, per ciascuna fascia o tipologia.

Dove i punti in questione sono:

b)  nove rappresentanti dei professori e ricercatori a tempo indeterminato;

d)  due rappresentanti del personale tecnico-amministrativo;

In questa norma si riscontrano diversi problemi che elenco brevemente e discuto più approfonditamente in seguito:

  • la formulazione è ambigua,
  • il concetto delle quote rosa è discutibile in se,
  • l’applicazione delle quota alle candidatura può portare ad effetti perversi,
  • l’impatto pratico potrebbe essere pressochè nullo.

Dati questi limiti ritengo non abbia senso la presenza di una disposizione di questo tipo nello statuto.

Segue un’analisi più dettagliata…

Continua a leggere

Annunci